Dobbiamo temere gli autotest di fertilità maschile?

Immagine 1

Gli auto-test maschili di fertilità sono ora disponibili in farmacia in tutta europa. Garantire la fertilità in modo rapido e semplice, è una promessa di speranza per molti uomini. Ma cosa succede se il sogno diventa un incubo, quando si è da soli con un test che rivela una potenziale sterilità?

SpermCheck è il nome del primo auto-test di fertilità per gli uomini, venduti in farmacia. Per scoprire se si è fertili o no, il test indica la concentrazione di “SP10”, una proteina dello sperma. Più la “SP10” è presente, più non vi è più sperma. Se la concentrazione è di almeno 15 milioni di gameti per millilitro di sperma, due barre rosse compaiono: secondo SpermCheck siete fertile, che garantisce un’affidabilità del 98%.

Ma avere una elevata concentrazione di spermatozoi non necessariamente assicura il loro vigore o la loro vitalità. Così l’auto-test non sostituisce un esame dello sperma effettuato in laboratorio. Niente panico quindi se, al termine di 7 minuti necessari per la prova per dare i risultati, l’analisi suggerisce una possibile infertilità. È quindi necessario, rivolgersi ad un centro specializzato in fertilità maschile dove dei professionisti potranno prendersi cura di voi. Nessu panico quindi, ma SpermCheck pone chiaramente l’attenzione sulla validità di test medici “fai da te”, mentre i primi auto test per l’AIDS sono attesa in varie nazioni europee già da questo mese di luglio.

Nasce però un problema di carattere psicologico.   Conoscere il proprio stato di sterilità o la possibile presenza della sindrome da HIV da solo, senza assistenza medica o di assistenza psicologica, è contrario, infatti, a tutte le procedure di monitoraggio e di sostegno esistenti in tante nazioni europee.

In primo luogo, dobbiamo ricordare a chi effettua l’auto test, che questo test non è affidabile al 100%. Le analisi del seme, per esempio, dovrebbero essere interpretati con grande precisione; quindi un semplice test non darà mai un risultato sicuro e definitivo. Il calcolo della concentrazione di sperma utilizzati per l’auto-test è abbastanza rudimentale. Non è quella concentrazione che conta. Alcuni uomini hanno un sacco di sperma, ma hanno poca mobilita degli spermatozoi, e quindi non sono in grado di procreare facilmente. Altri che hanno una bassa concentrazione di spermatozoi, ma molto ben calibrati e vivaci, avranno facilmente possibilità di avere dei figli.

Infine, se il test rivela un esito di infertilità, il consultante dovrebbe andare a rivolgersi ad un laboratorio. Egli trascorrerà tre giorni di angoscia, ma, allo stesso tempo, ha avuto la prova sui dubbi sulla sua fertilità … Poi bisognerà aspettare che uno specialista faccia uno spermiogramma e che venga decifrata la vitalità degli spermatozoi; solo dopo questo definitivo esame si potranno realmente discutere i risultati, attuando un approccio medico per facilitare la procreazione, ed essere aiutati anche psicologicamente, se necessario …

La Redazione di FIV Italia Blog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...