Allattare? Una scelta di bellezza e salute.

allattare

Negli ultimi anni, c’è stato un vero e proprio ritorno all’allattamento al seno. I medici, i media, la famiglia e gli amici: tutti ora sono d’accordo con il suo fondamentale ruolo nella crescita del bambino!

Sì, il latte materno è il miglior alimento per il bambino.

La scelta dell’allattamento mette in gioco molti parametri – medico, emotivo, economico.

Facciamo il punto sui meriti e  gli eventuali rischi dell’allattamento.

Difesa contro le infezioni.
Il neonato è, in qualche modo, un essere in fase di compimento: il sistema immunitario non è completato e gli anticorpi materni trasferiti in utero non sono sufficienti per far fronte a tutti i microbi circostanti e virus.
Con i vari anticorpi, le proteine e le cellule immunitarie che contiene, il latte materno non solo aiuta a colmare questa lacuna, ma garantisce una protezione al 100%.

Immunoglobuline IgA secretorie, lattoferrine, lisozima, bifidobatteri e vari altri fattori di crescita, sono tutte  sostanze che contribuiscono alla prevenzione delle infezioni nei bambini, promuovendo la maturazione del suo sistema immunitario.
Gli studi hanno dimostrato che i bambini allattati al seno per almeno tre mesi hanno avuto un minor numero di infezioni respiratorie e otorinolaringoiatriche (riniti, otiti); una prevenzione dimostrata anche per la diarrea infettiva acuta.
Protezione contro le allergie
Una meta-analisi ha dimostrato che l’allattamento al seno per tre mesi ha ridotto il rischio di dermatite atopica, la più significativa predisposizione ad essere osservati in bambini con effetto allergico.
Quando una madre che allatta respira allergeni, questi allergeni vengono trasmessi al bambino attraverso il latte materno. Tuttavia, la presenza congiunta di allergene e una molecola immunosoppressiva, TGF beta, promuove nello sviluppo infantile uno stato di tolleranza.

Prevenzione contro l’obesità

“L’esistenza di un effetto preventivo dell’allattamento nei confronti di una successiva obesità è ora più che probabile, almeno in infanzia e adolescenza”, secondo quanto evidenziato dalla relazione dell’Autorità della salute (HAS) sui vantaggi dell’allattamento al seno.

Una migliore regolamentazione in quantità di latte ingerito e la presenza di alcuni Bio fattori nel latte materno, sono tutte ipotesi che tendono a spiegare questo effetto preventivo, anche se i suoi meccanismi rimangono ancora per lo più sconosciuti.

Non bisogna  dimenticate il fattore socio-economico: una madre che si occupa di allattamento al seno può essere più attenta a come nutrire il suo bambino …

I neonati allattati al seno diventano più intelligenti?

Questo è un argomento che viene discusso … Se diversi studi hanno dimostrato un quoziente intellettivo leggermente più alto in bambini allattati al seno, è scientificamente difficile definire quale sia la vera determinante o meno del latte materno o quanto conta l’ambiente di crescita.

L’allattamento al seno è infatti generalmente associato a livelli socio-economici ed educativi più elevati, ma anche ad un ambiente di stimolazione cognitiva ed emotiva maggiore.
L’allattamento al seno è, in origine, la logica continuazione della gravidanza.

Allattare il vostro bambino segue il corso della natura, che, in realtà, è ben fatto.
Un rapporto unico con il bambino
Limitare i benefici dell’allattamento al seno alle qualità nutrizionali e biologiche del latte materno è estremamente semplicistico. Allattare al seno, è molto di più!
Per gli psicoanalisti, l’allattamento al seno è un elemento importante del rapporto genitore-figlio. Permette al bambino e a sua madre di mantenere per un paio di settimane o pochi mesi, il continuum del rapporto tra la vita la vita prenatale e postnatale. Il bambino continua a sentire l’odore di sua madre, l’odore (simile a quella del liquido amniotico) che percepiva all’interno dell’utero materno, e continuare ad ascoltare il battito del suo cuore.

Per quanto riguarda la madre, l’allattamento al seno è anche un modo per estendere un rapporto esclusivo in cui spesso è difficile rinunciare dopo il parto.

Migliore recupero dopo il parto
Le secrezioni ormonali causate dallo sviluppo del latte materno, non solo tendono a  ridurre il rischio di infezioni post-partum, ma aiutano l’utero a rientrare  nella sua forma, dimensione e tono.
Un clima favorevole di serenità ormonale.
L’allattamento al seno deve essere disponibile tutto il giorno per quattro ore al giorno. Fortunatamente, gli ormoni aiutano la madre durante l’allattamento per facilitarne il suo lavoro. La prolattina accelera il passaggio al sonno REM, quindi la sua capacità di recuperare. Inoltre permette di dormire comodamente e svegliarsi più volte durante la stessa notte.
L’ossitocina secreta durante le poppate, crea un effetto rilassante, particolarmente calmante  e genera una piacevole sonnolenza.
Più facile una perdita di peso
Per le neo mamme, ma anche per le donne in generale, ritrovare la propria linea è una preoccupazione reale. L’allattamento al seno è riconosciuta come un fattore che contribuisce alla perdita di peso post-natale. E questa perdita di peso avviene dolcemente e senza grandi traumi a condizione, naturalmente, di avere una dieta equilibrata!
Alcuni chili di gravidanza, infatti, sono una riserva di energia per la produzione di latte. Se essi non vengono utilizzati per questo scopo, dovranno essere rimossi in altro modo.

Il rischio di cancro al seno diminuisce.
Secondo l’Inca (Istituto Nazionale contro il cancro), i dodici mesi di allattamento (volte si accumulano con nascite) riducono il rischio di cancro al seno del 4-5%.
Il merito sarebbe dovuto ancora una volta ad una questione di ormoni: più gli estrogeni si impregnano, maggiore è il rischio di cancro al seno. Tuttavia, durante l’allattamento, questo impregnazione diminuisce.
Inoltre, dopo il pasto, il corpo si libera delle cellule del seno il cui DNA è stato danneggiato, riducendo il rischio di cancro al seno, come dimostrano le più recenti raccomandazioni del World Cancer Research Fund contro il cancro.

Attenzione: il troppo guasta.

Attenzione comunque a non cadere nella lusinga e piacere di allattare troppo a lungo il proprio figlio. L’allattamento è sempre un piacere della donna, che sente fortemente il contatto con il suo bambino e si gratifica anche della ragione di essere indispensabile per la vita del proprio bambino, Bisogna però anche imparare che lo scopo di una mamma è quello di rendere i figli indipendenti da se stessa. Autonomi e forti. Questo ci insegna la natura. A volte molte mamme titubano a voler cominciare lo svezzamento dei propri figli, anche quando il valore nutritivo del proprio latte ha da tempo perso le sue caratteristiche. Oppure continuano ad arrendersi alle richieste del proprio bambino, oramai cresciuto, che vuole comunque attaccarsi al seno. Certo che una poppata elimina tante proteste e capricci che a volte non abbiamo la forza fisica e psicologica di combattere. Ma questo è il momento in cui la forza dell’amore di una mamma deve avere la sua vittoria. Raramente  ciò che è meglio per voi e per il vostro bambino è accettato e capito dai piccoli. Ma voi siete su questa terra con questo ruolo per insegnare loro ciò che è equilibrato e ciò che non lo è; e soprattutto siete le uniche responsabili della crescita centrata e sana del vostro bambino. A ciascuno il suo ruolo. Non titubate. Le lacrime ed i capricci presto finiranno, e le poppate non saranno più richieste. Insegnerete così ai vostri bambini, quanto è bello nutrirsi di altri alimenti, più completi e nutrienti, ed a livello sottile, insegnerete che la vostra serenità e la vostra vita hanno comunque un valore che deve essere rispettato dagli altri e da voi stesse prima di tutto. La mamma non è sinonimo di distributore di latte a disposizione 24h su 24. La mamma,al contrario, ha una vita propria e delle esigenze proprie, intime e personali. Cominciate voi a richiedervi questo, perché se no non potete sperare che gli altri, tanto meno i vostri figli, possano accettarvi diversamente da come voi stesse vi vedete.

Houri Bach per FIV Italia Blog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...